NAUSEA E VOMITO FALLI PASSARE CON LO ZENZERO

NAUSEA E VOMITO FALLI PASSARE CON LO ZENZERO

La nausea e il vomito sono sintomi davvero sgradevoli che vorremmo eliminare prima possibile. Molte volte sono preceduti da vertigini fastidiosissime che limitano i rapporti e le relazioni sociali e lavorative del soggetto.

CAUSE
Le cause possono essere le più svariate dalla sindrome di Ménière, all’artrosi cervicale, alla gravidanza, alle cause virali, al mal di mare, di macchina, fino ai postumi della chemioterapia.

I FARMACI
I farmaci di sintesi che combattono vertigini, nausea e vomito sono molteplici e con molti effetti collaterali:
Betaistina farmaco istamino-simile da non utilizzare in gravidanza né in età pediatrica .

Cinnarizina-Dimenidrinato farmaco formato da 2 molecole una che agisce sul microcircolo e l’altra come antistaminico e anticolinergico. Non può essere usato né in gravidanza né durante l’allattamento, può provocre torpore e sonnolenza.

Metoclopramide farmaco antiemetico che inibisce il riflesso del vomito e gastroprocinetico in quanto stimola e coordina la motilità del tratto superiore dell’apparato digerente.Gli effetti secondari sono sindromi extrapiramidali quindi non può essere utilizzato in coloro che soffrono di Parkinson.

Domperidone farmaco antiemetico e procinetico agisce come antagonista dei recettori dopaminergici. Può provocare aumento di prolattina nella donna e impotenza nell’uomo.
Oggi prescrivibile solo da specialisti su ricetta irripetibile.

Visti i notevoli effetti secondari della maggior parte dei farmaci per le vertigini, nausea e vomito, la natura ancora una volta ci offre il rimedio adatto a questi sintomi: lo Zenzero.

Zenzero

Composizione chimica

I principi attivi principali dello zenzero sono i sesquiterpeni ( bisabolene, zingiberene, zingiberolo ) i chetoni aromatici denominati gingeroli che imprimono allo zenzero l’odore e il sapore pungente.
Si pensa che i principi pungenti siano i componenti più attivi.

Applicazioni cliniche

Le applicazioni cliniche più interessanti dello zenzero sono quelle sull’apparato gastrointestinale.
Infatti ha la capacità di migliorare la motilità gastrica e di esercitare contemporaneamente un effetto antispasmodico. Quindi può essere utilizzato come tonico gastrointestinale. E’ stato dimostrato che i componenti liposolubili dello zenzero antagonizzano i siti recettoriali della serotonina. Questo meccanismo potrebbe essere responsabile degli effetti antispasmodici dello zenzero sulla muscolatura liscia intestinale.

Meccanismo d’azione
Ci sono ipotesi diverse sul meccanismo d’azione dello zenzero alcuni studiosi come Mowrey e Clayson affermano come il suo effetto anti-cinetosi sia dovuto ad un’azione locale sul tratto gastrointestinale, dimostrando la parziale inibizione da parte dello zenzero dell’aumento della motilità gastrica caratteristica della cinetosi.
Anche un altro studio, conferma come lo zenzero agisca solo a livello gastrico e non a livello del sistema nervoso centrale, dimostrando come né l’orecchio interno (vestibolo), né il sistema visivo, entrambi importanti nell’induzione del vomito, sono stati influenzati dallo zenzero.
Mentre altri risultati dovuti a nuovi studi affermano che lo zenzero possa attenuare gli impulsi vestibolari inviati ai centri autronomi del cervello.
Certo è che tutti gli studi in doppio cieco hanno confermato la validità dei preparati di zenzero nell’attenuare le vertigini, la nausea e il vomito, sia preventivamente come nel mal di mare e di auto, sia al momento della sintomatologia stessa.

Indicazioni Terapeutiche

Lo zenzero trova, oggi, la sua maggior indicazione sui disturbi gastrointestinali e principalmente su:

-cinetosi
-nausea e vomito gravidico
-nausea e vomito post-operatorio
-vertigini ( sindrome di Ménière)
-nausea e vomito dopo trattamenti chemioterapici.
-nausea e vomito da virus.
-nausea e vomito da mal di mare e di auto.

Cinetosi

Mowrey e Clayson nel 1982 dimostrarono l’efficacia dello zenzero nella cinetosi.
Nel loro studio dimostrarono come 940 mg. di polvere di zenzero fosse più efficace di 100mg. di un farmaco chiamato Dramamine, nell’alleviare nausea e vomito.
Dopo questo studio iniziale parecchi studi di follow-up hanno dimostrato l’efficacia dello zenzero come rimedio nella cinetosi.
L’inclusione dello zenzero negli sperimenti della cinetosi ha indotto la National Aeronautics and Space Administration ( NASA) a finanziare una ricerca alla Louisiana State University.

Studio in doppio cieco in nausea e vomito da mal di mare.

Somministrazione di 1gr. di zenzero in polvere a un gruppo di cadetti di marina non abituati a navigare con mare grosso ha indotto una riduzione significativa di vertigini, di sudore freddo e quindi di vomito, in confronto ai cadetti trattati con placebo.

Studio in doppio cieco in nausea e vomito gravidico.

In un esperimento in doppio cieco randomizzato e crossover, 250mg. di polvere di zenzero somministrati 4 volte die, hanno indotto una significativa riduzione sia della gravità della nausea, sia del numero di attacchi di vomito, in 19 su 27 donne in gravidanza precoce con nausea e vomito.

L’azione antiemetica dello zenzero è stata osservata anche nel post-operatorio di donne sottoposte ad importanti interventi chirurgici ginecologici.

Studio in doppio cieco in nausea post-operatoria.
500mg. di polvere di zenzero due volte al giorno hanno ridotto significatamente l’incidenza della nausea, in confronto con il placebo. Gli effetti erano simili a quelli del farmaco metoclopramide (Plasil).

Dose Terapeutica dello Zenzero

Come abbiamo visto sopra i dosaggi di zenzero terapeutico possono variare da soggetto a soggetto:

Formulazioni galeniche

Sindrome di Ménière
Zenzero polvere 300mg. a capsula
Pos: 3 cap. tre volte die

Nausea e vomito in chemioterapia
Zenzero polvere 400mg. a capsula
Pos: 3 cap. tre volte die.

Nausea e vomito gravidico
Zenzero polvere 250mg. a capsula
Pos: 2 cap. quattro volte die

Nausea post-operatoria
Zenzero polvere 250mg. a capsula
Pos: 2 cap. due volte al dì

Verigini-Nausea e vomito da mal di mare e d’auto
Zenzero polvere 300mg. a cap.
Pos: 4 cap. 2-3 ore prima della partenza

Nausea e vomito da virus
Zenzero polvere 300 mg. a capsula
Pos: 3 cap. die prima dei 3 pasti.
Nei bambini sciogliere metà del
contenuto di una caps. in un po’
di spremuta o succo di frutta, prima
dei pasti.

Tossicità dello Zenzero

Se si consumano alti dosi di zenzero, maggiori di 6 gr. di polvere a stomaco vuoto, si potrebbe accusare qualche disturbo gastrico.
In India il consumo di zenzero giornaliero supera gli 8-10 gr. die.
Nell’uomo, è stato dimostrato che 6 gr. di polvere di zenzero somministrati a stomaco vuoto, aumenta l’esfoliazione delle cellule dell’epitelio gastrico, ciò potrebbe portare alla formazione di ulcere. Pertanto si raccomanda che la dose a stomaco vuoto sia inferiore a 6 gr.
Per quanto riguarda la tossicità, lo zenzero alle dosi raccomandate non è tossico né ha effetti collaterali.
Pietro Mascheri

Bibliografia
Grontved A. and Hentzer E.:vertigo-reducing effect of ginger root. OTO Rhinolaryngology pp. 282-286. 1986.
Fischer-Rasmussen W. Et al: Ginger treatment of hyperemesis gravidarum. Eur J Obstel Gynecol Reprod Biol. pp.19-24. 1990
Bone ME,et al: Ginger root- a new antiemetic,The effect of ginger on postoperative nausea and vomiting after major gynaecological surgery: Anaesthesia. Pp. 669-671. 1990.
Mascolo N, et al: Ethnoppharmacologic investigation of ginger. J Ethnopharmacol. Pp.129-140, 1989.

Annunci

Informazioni su pietromascheri

PIETRO MASCHERI, nato a Città di Castello, si è prima laureato in Farmacia e poi in Sociologia, si è quindi specializzato in Fitoterapia presso l’Uni-versità degli Studi di Siena e presso – Istituto Internazionale di Fitoterapia. Si occupa di piante medicinali, di terapie naturali, di prevenzione e di educaziofle sanitaria da molti anni.Ha insegnato Fitoterapia e Medicina naturale presso varie UNITRE della Toscana, scrive su alcuni giornali e riviste specializzate di terapie fitoterapiche e naturali. Ha pubblicato: «impiego di erbe e piante medìcinali nella memoria storica dei rimedi verdi e delle Fitoterapie» in (l’arte al potere) Compositori,, Bologna, 1992; «Al di là del sintomo» ed. Era Nuova, Perugia, 1994.

Pubblicato il dicembre 9, 2014 su Uncategorized. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: